Michele Satta

Dettagli

Castagneto Carducci, Livorno

da Martedì a Sabato

Lingue: Italiano - Inglese - Francese

Architettura: Moderna

Tipo di produzione: Biologica

Accessibilità disabili

Animali ammessi (piccola taglia)

Wi-fi gratis

DISPOSIZIONI ANTI COVID-19

Michele Satta garantisce il rispetto delle normative predisposte per il Covid-19 che ti permetteranno di vivere la tua esperienza in sicurezza e tranquillità: in particolare la sanificazione degli ambienti dopo ogni tour, l'utilizzo di igienizzanti e di mascherine, che saranno fornite ai visitatori nel caso in cui ne siano sprovvisti.

La storia di Michele Satta

Il mio arrivo a Castagneto Carducci è “casuale”. Vengo da Varese e sono in vacanza con i miei, papà ingegnere, cognome e cromosomi sardi, e mamma insegnante, ed incrocio una proposta di lavoro da parte del proprietario di una fattoria del luogo. Sono fresco iscritto all’università di Agraria di Milano (mi laureo 4 anni dopo a Pisa) e subito, primo stage ottobre 74, inizio con la vendemmia! Il compito è pulire, servire le incombenze più umili, guardare e guardare, studio e lavoro.

Imparo l’agricoltura a 360 gradi: imparo che la terra diventa dura quando soffia il vento, che ci sarà brutto tempo quando le rondini volano basse, imparo il ciclo della pianta, perché in certe zone del campo le piante stentano e in altre no, imparo che la cultura contadina è immenso patrimonio di unità con la natura e di paziente rispetto della realtà.

Decido sull’onda di una passione sconfinata di mettermi in proprio e prendo in affitto vecchie vigne e relativa vecchia cantina. Nell’83 la prima vendemmia e da quel giorno una storia che è cresciuta passo passo assieme alla storia di Bolgheri (anno di fondazione della DOC di Bolgheri è il 1984). Pianto la mia prima vigna nel 91 e poi acquisto i terreni che posso e che sento perfetti per far vino arrivando a produrre le mie bottiglie solo dalle uve da me piantate. Cresce in quegli anni l’esperienza non solo della terra ma anche della cultura del vino internazionale, e iniziano viaggi nel mondo che allargano conoscenze e confronti.

Mi affianca in questa avventura anche mia moglie Lucia che, insieme alla storia dell’Azienda, condivide con me la crescita di una bella e numerosa famiglia: nel tempo infatti sono nati 6 figli, cinque femmine ed un maschio.

Adesso due di loro, Giacomo e Benedetta, partecipano in prima persona curiosi ed appassionati: sulla strada della tradizione e lo sguardo rivolto al nuovo inizia il cammino della seconda generazione!

La produzione 

Le nostre vigne coprono una superficie totale di circa 23 ettari, tra proprietà e affitti. Sono tra le vigne più a sud di tutto il comprensorio, nella frazione che la zonazione fatta dal professor Attilio Scienza ha chiamato “Accattapane”. Sono situate al centro del comune di Castagneto Carducci e dunque dell’area riservata alla produzione di vini Bolgheri Doc. In questa zona sono presenti anche i vigneti di Micheletti, Enrico Santini, Tenuta Guado al Tasso e poco più sud i vigneti di Agentiera.

Le vigne da cui esclusivamente provengono le nostre uve, sono state piantate da Michele negli anni '90.

In ogni vigna sono presenti le cultivar che Michele ha ritenuto, dopo anni di osservazioni, essere le più rappresentative di Bolgheri (non escludendo ulteriori esperimenti nel futuro) che per i bianchi sono Viognier, Vermentino e Sauvignon, mentre per i rossi sono Cabernet Sauvignon, Merlot, Syrah, Sangiovese e Teroldego. 

 

Prodotti

PIASTRAIA

Rosso Bolgheri Superiore DOC - Cabernet Sauvignon, Sangiovese, Syrah e Merlot

MARIANOVA

Rosso Bolgheri Superiore DOC - Syrah e Sangiovese

COSTA DI GIULIA

Bianco Bolgheri DOC - Vermentino e Sauvignon

CAVALIERE

Rosso Toscana IGT - Sangiovese

GIOVIN RE

Bianco Toscana IGT - Viogner

BOLGHERI

Rosso Bolgheri DOC - Sangiovese, Cabernet Sauvignon, Merlot, Syrah e Teroldego

MICHE'

Vino Frizzante Metodo Ancestrale - Sangiovese

Mappa

Curiosità

  • Michele Satta è il primo produttore ad aver portato nella terra di Bolgheri il Syrah, il Teroldego, il Viognier, ed è stato il primo a vinificare Vermentino e Sangiovese in purezza in questa zona.
  • La presenza dei singoli vitigni nelle diverse vigne, gli permette di avere numerose espressioni delle varietà, così da capire come si comportano le vigne in ogni annata. I vigneti che esprimono maggior equilibrio e complessità forniscono le uve per i vini più importanti.

Da visitare nei dintorni

  • Castagneto Carducci: deve il suo nome al grande poeta Giosuè Carducci. Il castello edificato intorno all’anno 1000 è il nucleo del borgo, ricco di storia e legato alla famiglia Della Gherardesca. Un paese ricco di vicoli, terrazze naturali che si affacciano sul mare e sulla campagna e antiche botteghe artigiane.
  • Bolgheri: per arrivare in questo borgo si attraversa uno dei viali più conosciuti e suggestivi al mondo, il Viale dei Cipressi. Le numerose chiese e il castello posto al centro del paese sono solo alcune delle attrazioni che troverete, oltre ad enoteche, osterie e ristoranti che propongono la tradizione enogastronomica della zona.