Marchesi Gondi

Dettagli

Pontassieve, Firenze

da Lunedì a Venerdì

Lingue: Italiano - Inglese - Francese

Architettura: Storica

Tipo di produzione: Convenzionale

Wi-fi gratis

Agriturismo

Appartamenti

DISPOSIZIONI ANTI COVID-19

Marchesi Gondi garantisce il rispetto delle normative predisposte per il Covid-19 che ti permetteranno di vivere la tua esperienza in sicurezza e tranquillità:

- in azienda non mancano ampi spazi dove potrai degustare i nostri vini

- gli ambienti delle sale degustazioni, il Museo dell'Arte Contadina e il giardino sono organizzati per garantire la distanza di sicurezza, con postazioni di gel igienizzanti e disinfettati prima e dopo ogni esperienza

- all'arrivo, a tutti i nostri wine lovers, ricorderemo le procedure anti Covid-19, per poi iniziare insieme il nostro cammino tra storia, natura e buon vino!

La storia di Marchesi Gondi 

Una delle tenute più importanti dei Gondi è la Villa Bossi a Pontassieve, che la famiglia possiede ancora oggi dal 1592, quando venne ceduta a Bartolomeo di Bernardo Gondi per 7.500 lire. Nella seconda metà del Settecento, la Villa di Bossi venne ampiamente ricostruita, ampliata e arricchita con fastose decorazioni barocche, e la piccola cappella preesistente divenne una vera chiesa con tre altari, in cui si trovano le sepolture di tutti i Gondi che hanno posseduto questa villa da quel momento in poi.

La Villa di Bossi assunse un ruolo di maggiore importanza per la famiglia tra il 1878 e il 1884, quando fu restaurata e trasformata dalla giovane vedova di Francesco Gondi, Maria de la Bruierre, una nobile francese, che non ambientandosi molto bene nella Firenze dell’epoca, preferì passare molto tempo nella villa di campagna. Ella, oltre a far costruire il salone centrale, fece rialzare la villa di un piano, creando delle stanze per gli alloggi della servitù, ampliò le cantine costruendo una grande stanza, sotto il giardino, attrezzata per le vinificazioni e da cui si accedeva attraverso una lunga scala che dipartiva dai locali di invecchiamento, dove sono poste le botti di rovere e le barrique. Fece poi interrare in parte la cantina per avere una temperatura più stabile sia d’inverno che d’estate e attrezzò un grande parco con dei cedri del libano e molti lecci, in un giardino all’italiana di fronte alla villa. 

Gli ultimi discendenti, il marchese Bernardo con la moglie Vittoria, insieme ai figli Gerardo e Lapo, sono tutt’oggi proprietari del Palazzo Gondi di Piazza San Firenze. La famiglia produce ancora vino Chianti Rufina e olio extra vergine nelle loro antiche tenute di Bossi a Pontassieve e nella fattoria di Volmiano a Calenzano, sulle pendici di Monte Morello.

La produzione

Sulle boscose colline a Nord-Est di Firenze, nel cuore del "Chianti Rufina", zona vitivinicola famosa fin dal Rinascimento, ad un’ altitudine variante fra i 200 ed i 400 mt. sul livello del mare, si trova la Tenuta Bossi. Nei suoi 315 ettari si coltivano vigneti, oliveti, boschi e cereali.

I terreni dell’azienda sono un misto di argille e galestri intervallati, che sono particolarmente adatti alla coltivazione della vite e dell’olivo. Le argille permettono una sufficiente riserva idrica per le piante, nelle assolate estati che caratterizzano la zona ed il galestro da calore e struttura ai prodotti. Per queste caratteristiche del terreno si hanno vini molto strutturati e che permettono loro una grande longevità abbinati a grandi profumi. Questi sono dovuti al fatto che, sebbene d’estate di giorno sia molto caldo e quindi si abbia una ottima maturazione, la notte essendo la zona molto vicina agli Appennini si hanno venti freschi, che permettono il loro mantenimento.

Nei 18 ettari di vigneto viene prodotta uva Sangiovese, Colorino di un clone autoctono che viene qui riprodotto da oltre 100 anni, Merlot, Cabernet Sauvignon, Trebbiano Toscano, Chardonnay e Sauvignon Blanc. Queste uve, coltivate nel rispetto dell’ambiente e raccolte a mano, con particolare cura, vengono vinificate nelle antiche cantine a volta che si trovano nel sottosuolo della Villa e che sono accessibili da un portone posto sul davanti sotto il parco di alberi secolari.

Nella Tenuta Bossi si producono circa 800/900 hl di vino fra Chianti Rufina, SuperTuscan, Bianco dei Colli dell’Etruria Centrale, Rosato dei Colli della Toscana Centrale, Vin Santo del Chianti Rufina e Grappa. Per queste produzioni l’azienda si avvale della collaborazione dell’Enologo Dott. Fabrizio Moltard.

Prodotti

SAN GIULIANO

Rosso Chianti Rufina DOCG - Sangiovese, Colorino, Merlot

PIAN DEI SORBI

Rosso Chianti Rufina Riserva DOCG - Sangiovese, Colorino

VILLA BOSSI

Rosso Chianti Rufina Riserva DOCG - Sangiovese, Colorino, Cabernet Sauvignon

MAZZAFERRATA

Rosso Colli Toscana Centrale IGT - Cabernet Sauvignon

SER AMERIGO

Rosso Colli Toscana Centrale IGT - Sangiovese, Colorino, Merlot

SASSOBIANCO

Bianco Colli dell'Etruria Centrale DOC - Sauvignon Blanc, Chardonnay

VIOLANA

Rosato Colli Toscana Centrale IGT - Sangiovese

CARDINAL DE RETZ

Vin Santo del Chianti Rufina Riserva DOCG - Trebbiano

MARCHESI GONDI GRAPPA

Grappa - Sangiovese, Colorino, Cabernet Sauvignon

FIAMMAE

Rosso Colli Toscana Centrale IGT - Sangiovese

Mappa

Curiosità

  • Il marchese Bernardo con la moglie Vittoria, insieme ai figli Gerardo e Lapo, sono tutt’oggi proprietari del Palazzo Gondi di Piazza San Firenze, uno splendido palazzo storico utilizzato anche per alcuni eventi dell'azienda. 

Da visitare nei dintorni

  • Mugello: a pochi chilometri a nord di Firenze, il Mugello si presenta come un'ampia verde vallata attraversata da un tratto del fiume Sieve, uno dei maggiori affluenti dell'Arno, il principale fiume della Toscana. L'area è contraddistinta per la ricchezza della natura del territorio e la varietà del paesaggio, che vede alternarsi zone pianeggianti, tratti collinari ed aree di montagna, per non parlare dei borghi e delle residenze Medicee tutte da scoprire.